Dobbiamo restare lontani,
ma possiamo sentirci vicini

L’iniziativa di istituire un numero di ascolto e supporto psicologico è stata pensata per sostenere e promuovere il benessere emotivo, fortemente minacciato dall’emergenza Covid 19.
La pandemia ha colpito duramente il nostro territorio e sovraesposto la popolazione a un sovraccarico di emozioni intense e dolorose, amplificato dalla condizione di isolamento sociale che aumenta il sentimento di fragilità e solitudine.

Lo scenario di perdurante incertezza e minaccia ci espone ad un elevato stress emotivo che può esprimersi in una varietà di reazioni personali e mobilita le nostre difese psichiche che tuttavia non sempre riescono a riportarci a una condizione interiore tollerabile.
Reazioni di apprensione, di ansia, disturbi dell’umore e del sonno, dell’alimentazione e dell’adattamento sono pertanto frequenti così come pensieri insistenti e negativi.

Condividere i propri vissuti e le proprie emozioni rappresenta un importante intervento di cura, aiuta a decomprimere e contenere i vissuti disturbanti che fisiologicamente emergono e a valorizzare le risorse necessarie per affrontare la quotidianità.
Affrontare il proprio disagio in modo tempestivo e con l’aiuto specialistico è molto importante, quindi, per alleggerire la pressione psichica, riattivare le prorie energie e prevenire lo strutturarsi di disturbi più complessi nel futuro.

 
Il servizio di ascolto e sostegno psicologico è rivolto a tutti i cittadini che avvertono il bisogno di esprimere le proprie emozioni e i propri vissuti in relazione alla situazione attuale.

Il servizio risponde al numero 035 02 66 466 ed è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 17:00.

 
A seconda del bisogno espresso il cittadino riceverà una consulenza telefonica breve o una presa in carico da parte degli psicologi del servizio.

 

Emergenza sanitaria, ma anche emotiva:

intervista di Antenna 2 TV alla psicologa Nicoletta Rota.

 

 

 

Condividi: